OG Kush: sovrana suprema sul trono della cannabis

  • Due anni fa, la famosa rivista High Times ha scelto i “25 migliori ceppi di tutti i tempi”.
  • Quella lista comprendeva nomi illustri, sia leggende classiche che ceppi più moderni, ma in ogni modo non ci sono stati dubbi sul numero uno, la regina di tutte le piante di cannabis: la OG Kush ha conquistato senza nessuna disputa il trono.  
  • È stato dunque confermato ufficialmente dallo staff di HT ciò che è diventato ovvio nel corso degli ultimi dieci anni: la OG Kush regna sul mondo dei ceppi di cannabis. 

Soprattutto negli USA, la febbre da Kush continua ad impazzare. Già da molto tempo, la OG Kush è il ceppo più popolare lì e ha raggiunto i prezzi più alti sul mercato nero, e anche nei club per acquirenti e nei dispensari di cannabis. Come ulteriore prova della sua supremazia, High Times stima che quasi uno ogni tre nuovi incroci immessi sul mercato comprende una genetica di OG Kush. E, ovviamente, gli ibridi di OG Kush hanno vinto innumerevoli premi in diverse competizioni di cannabis in tutto il mondo.

Grazie ai loro eccellenti contatti, i ragazzi della società di semi di alta qualità Dinafem sono riusciti ad assicurarsi una vasta gamma di ceppi "best-seller" classici dall'America nella loro versione originale, compresa la tanto ambita OG Kush. Con quel prezioso elemento e con il lancio del rispettivo ceppo, lo staff di Dinafem ha contribuito a rendere la OG Kush ad arrivare sulla cresta dell'onda anche in Europa, ed è una delle loro varietà più popolari

Origini e caratteristiche di OG Kush

Ma da deriva in origine? Beh, cosi come per tanti altri ceppi leggendari estremamente popolari, la storia delle origini della OG Kush e la risposta alla domanda su per cosa sta "OG", è coperto dalla nebbia, o meglio dal fumo ... Molte persone pensano che sorge "OG" stia per "Ocean Grown", perché questo ceppo è stato cresciuto sulla costa del Pacifico, mentre altri pensano che sia l'abbreviazione di "Original Gangster", a causa di un riferimento in una canzone degli artisti rap Cypress Hill. Un'altra spiegazione è che "OG" significa "Genetica originale", indicando quindi l'originalità di questa straordinarie genetica Kush rara.

Ma qualunque fosse il significato iniziale di "OG", a partire dalla seconda metà degli anni 1990, la OG Kush è diventata l'icona di una marijuana super forte e super aromatica negli Stati Uniti. Per quanto riguarda il suo pedigree, è ampiamente riconosciuto che risale all'altrettanto famoso ceppo Chemdawg. C'è solo un piccolo dibattito sulla possibilità che la OG Kush sia una discendente speciale del ChemDawg o di un incrocio tra quest'ultimo e la Lemon Thai x Paki Kush. Dinafem crede nel pedigree ChemDawg x (Lemon Thai Kush x Paki Kush), affermando che la OG Kush è composta dal 75% di sativa e dal 25% di indica. Secondo dei test di laboratorio condotti in California, la OG Kush di Dinafem contiene fino al 24% di THC e lo 0,23% di CBD, il che la rende una vera e propria campionessa dei pesi massimi di THC.

Prima l'alto è cerebrale ed energizzante, ma diventa un forte fisico e mentale.

Anche se è composta principalmente da indica, il comportamento di crescita e la fioritura della OG Kush ricorda spesso più una sativa, con le piante che formano degli internodi, mostrando un forte stelo principale e un allungamento laterale dei rami. I germogli tendono a diventare molto voluminosi e densi, riccamente ricoperti di ghiandole di resina. Oltre alla sua famosa potenza formidabile, il suo aroma molto intenso e speciale è un altro segno carismatico di questo ceppo, che mescola deliziosamente un sapore speziato di carburante con delle note fresche di agrumi e frutti di bosco. L'odore sprigionato dalle piante è incredibilmente intenso e la Dinafem consiglia vivamente di utilizzare filtri a carbone per tenere rigorosamente all'interno quello che non deve essere condiviso con i vicini curiosi.

L'effetto estremamente potente della OG Kush è rapidissimo, spesso viene percepito come cerebrale ed energizzante all'inizio, per passare poi a un forte colpo mentale e fisico che garantisce un rilassamento e una sedazione profondi che molti descrivono come uno stato di trance euforico. Con questo effetto, la OG Kush è la medicina perfetta per tutti coloro che soffrono di disturbi provocati da stress, depressione e ansia, mal di testa e insonnia, tra gli altri. Anche il tempo di fioritura di 55 giorni di questa varietà iconica è abbastanza veloce, e coloro che la coltivano si vedono anche ricompensati da delle con rese che arrivano fino a 550 grammi. Dal momento che, sotto la luce naturale, si conclude a metà ottobre, la OG Kush può essere coltivata con grande successo anche all'aperto, producendo raccolti che arrivano fino a 1100 grammi per pianta. In questo caso si possono raggiungere altezze fino a tre metri.

Il processo di coltivazione di Og Kush, Bubba Kush e Dinachem

Il signor Power-Planter ha testato la OG Kush di Dinafem, insieme a due dei suoi altri ceppi kushy: Bubba Kush e Dinachem. Sono stati collocati tre semi femminizzati in dei vasi jiffy e le piantine sono spuntate dalla terra a tutta velocità, in meno di tre giorni. Hanno continuato a crescere vigorosamente e quando il signor Power-Planter le ha cambiate nel periodo di fioritura quattro settimane dopo la germinazione, due delle piante misuravano già 61 e 64 cm di altezza, mentre la terza, di 44 cm, era rimasta sostanzialmente indietro, rappresentando ovviamente un altro fenotipo.

Le tre piante hanno mostrato degli internodi abbastanza larghi e una tendenza evidente alla fioritura, visto che in soli otto giorni avevano già iniziato a pre-fiorire. Nel corso della fioritura, è parso evidente che la pianta più piccola stava generando un altro modello di fioritura diverso da quelle più alte, producendo calici più grandi e più densamente compatti, con dei pennacchi che sporgevano dai germogli. Estremamente ricchi di ghiandole di resina, quei meravigliosi germogli avevano un aspetto molto elegante, quasi virtuoso.

Sapore e aroma incredibili, oltre a una produzione abbondante.

Il signor Power-Planter si è sentito persino stordito dal profumo inebriante emanato da una seducente miscela di benzina penetrante infusa con un po' di agrumi. I germogli delle piante più alte mostravano calici più piccoli, raggruppati in germogli spessi e densi, a loro volta abbondantemente cosparsi di resina, con i loro innumerevoli tricomi che brillano come stelle nel firmamento e che formano un vero e proprio universo di resina. Ha detto il signor Power-Planter con un sorriso, "ora sto già vedendo stelle ... haha, dirò sicuramente lo stesso dopo aver fumato queste fenomenali perle di OG Kush". Anche il secondo tipo di germoglio della OG odorava intensamente di benzina mescolata ad agrumi; tuttavia, il tocco di agrumi era in questo caso più pronunciato. Notevole per un ceppo al 75% Indico è stato il rapporto molto elevato germoglio/foglia di entrambi i fenotipi, questi germogli con poche foglie sono normalmente prodotti solo da 50/50 indica/sativa o da piante a predominanza sativa.

Le due piante più alte hanno continuato a crescere molto di più durante le prime settimane di fioritura, in un modo tale che il signor Power-Planter ha dovuto piegare i germogli principali verso il basso in orizzontale, altrimenti sarebbero cresciuti troppo vicino alle lampade. Le tre piante sono arrivate ​​al momento giusto di maturazione, e hanno richiesto 54, 56 e 58 giorni di fioritura per maturare (1-3 giorni in più rispetto al tempo di maturazione ufficiale è del tutto accettabile, ovviamente). Raddrizzandole, le due piante avevano delle altezze di 110 e 119 cm (avevano quindi quasi raddoppiato la loro altezza durante la fioritura), mentre le piante più piccole avevano raggiunto 73 cm alla fine.

Dopo il processo di essiccazione, il signor Power-Planter si è ritrovato in possesso di 211 grammi di meravigliosi germogli OG Kush; certamente una resa molto buona che sarebbe stata ancora maggiore se la pianta più piccola fosse stata in grado di tenere durante la fioritura il ritmo di resa superiore delle due piante più alte. Il signor Power-Planter era entusiasta dell'aroma della OG Kush secca: "Questi germogli hanno un odore così simile a quello della benzina da poter quasi credere che se riempiamo il serbatoio dell'auto con l'olio di estrazione della OG Kush funzionerebbe come una specie di combustibile per navicelle. Tuttavia, quella nota di fondo di agrumi è ancora presente, rendendo l'odore una miscela di aromi spettacolari e irresistibili che mi fa venire le lacrime agli occhi".

Arrivato il tempo di fumare

La prova del fumo durante la notte è stata accompagnata da grandi aspettative, naturalmente. Il signor Power-Planter ha pensato che fosse assolutamente possibile che questi magnifici germogli di OG Kush avessero un contenuto di THC che arrivava al 24%. Ha iniziato la prova con la punta dei germogli della pianta più piccola. Subito dopo il primo tiro, ha sentito un incredibile colpo mentale che gli ha generato una raffica di euforia o, secondo le sue parole, "una sorta di alba interiore".

Dopo un tiro, inizi a vedere la tua alba interiore.

Ma dopo un paio di raffiche di fumo, ha notato che le palpebre sono diventate pesanti, e ben presto è rimasto bloccato nella visione di un tunnel. Al tempo stesso, il tono muscolare di tutto il corpo è diminuito, dimostrando quindi che i cannabinoidi della OG Kush nel sangue lo avevano portato a un rilassamento profondo. Cosa che ha reso il signor Power-Planter tremendamente fatto, con la testa avvolta in nuvole di cotone. È sfuggito così al peso della vita quotidiana e, dopo un po', è entrato nel regno dei sogni, resistere era inutile.

Dopo qualche ora si è svegliato sentendosi recuperato e si è preparato il secondo spinello di OG Kush, questa volta pieno dei secondi germogli. E sbam! Il colpo del martello indica OG è stato brutale, invadendo immediatamente la testa, e producendo una sensazione fortemente narcotica, percepita come una sorta di trance. Il signor Power-Planter era di nuovo ridicolmente drogato, ma nonostante questo ha cercato di guardare in TV il film "Mission Impossible". Ma nomen est omen ... è stato incapace di seguire il filo della storia così ha deciso di indossare le cuffie e di sprofondare nei suoni sferici del reggae dub. Il suo è diventato un viaggio interiore quasi spirituale, che è durato ore e che lo faceva sentire come un corpo senza corpo, come se lo avessero illuminato.

"Wow, è stato un viaggio assolutamente incredibile, finora ho trovato molto pochi ceppi in grado di competere con la potenza della OG Kush. Sono assolutamente certo che il contenuto di THC di questi germogli è chiaramente superiore al 20 per cento", ha detto eccitato il signor Power-Planter, affascinato anche dall'aroma pesante e oleoso della OG Kush che gli ha regalato un'esperienza di sapore di lunga durata e con un forte retrogusto: "Dopo aver fumato la OG, sembrava quasi che le tonnellate di molecole di aroma si fossero concentrate nella mia bocca. Ma quella pesantezza oleosa mi rinfrescava con una delicata fetta di limone che ha reso la OG Kush un vere e propria erba gourmet ", ha detto, ed è arrivato alla conclusione che "ora so perché la metà degli Stati Uniti è pazzo di questa straordinaria erba, la fama della OG Kush si basa su buone ragioni. Inoltre, è sicuro che in futuro, questa onnipotente varietà avrà delle ottime possibilità nel gioco dei troni della cannabis."

Dati di coltivazione

 Genetica: OG Kush (ChemDawg x = 75% sativa, 25% indica)

Fase vegetativa: qui, 4 settimane

Fase di fioritura: qui, 54, 56 e 58 giorni, 55 giorni in generale

Medio: Plagron Growmix, vasi da 11 litri

pH: 6.5-6.8

EC: max. 1.6 mS

Luz: ca. 500 W HPS/m2

Temperatura: diurna: 26-28°C / notturna: 18-20°C

Umidità ambientale: 60% (fase vegetativa), 40% (fase di fioritura)

Irrigazione: Manuale

Fertilizzanti: HeSi TNT-Complex, HeSi Blüte-Complex, HeSi Phosphor Plus dalla 4° settimana di fioritura

Additivi/stimolanti: HeSi SuperVit, HeSi Wurzel-Complex

Altezza: 73, 110 e 119 cm

Resa: 211 g

OG Kush

Semi Femminizzati

 

13/01/2017

Commenti dei nostri lettori

1 commenti
5 su 5 (basato su 1 commento utente)
Lascia un commento!

Leggi i commenti in un'altra lingua:

Contatto

x
Contattaci