Sativa, Indica, Ruderalis

Varietà e tipi di marijuana

  • Attualmente è molto facile sentirsi disorientati quando si tratta di scegliere la varietà di marijuana da coltivare. L’innumerabile quantità di ceppi disponibili sul mercato ha portato con sé un mare di opzioni nel quale è facile perdere la strada. White Widow, Moby Dick, Bubba Kush, Dinachem, Cheese…
  • Ci sono tante varietà quanti giorni nel calendario e talvolta questo ampio ventaglio di possibilità può essere sconvolgente. In realtà le opzioni sono infinite, dato che ogni volta che si incrociano due genetiche, nasce un nuovo ceppo dalle caratteristiche organolettiche uniche.
  • Non bisogna, però, essere un esperto per capire che tutte le varietà di marijuana che esistono possono essere classificate in tre grandi gruppi: Indica, Sativa e Ruderalis. 
Sativa, Indica, Ruderalis

Differenze tra cannabis Indica, cannabis Sativa e cannabis Ruderalis

Ognuna di queste varietà di cannabis ha il proprio schema di crescita e delle caratteristiche aromatiche e estetiche diverse. Ciò nonostante, la maggior parte delle genetiche che circolano nel mercato oggigiorno sono ibridi che combinano le caratteristiche Sativa/Indica in percentuali diverse a seconda degli obbiettivi del breeder. Nel caso delle autofiorenti, a questi ibridi va aggiunta la genetica Ruderalis, responsabile della loro velocità. Sebbene la grande maggioranza delle versioni di cannabis che offre il settore siano ibridi, conoscere le caratteristiche di ogni tipo ti aiuterà a capire meglio quale varietà coltivare, perché e quale risultato aspettarsi.

Cannabis Sativa

Origine:

Questo tipo di pianta di cannabis proviene di Asia, America e Affrica. In gran parte, la morfologia caratteristica delle Sativa si deve all'adattamento della pianta all'ambiente, in particolare all'umidità. È per questo che le Sativa sono il risultato dell'interazione della pianta con i climi più umidi che richiedono una maggiore traspirazione.

Caratteristiche della pianta:

  • Grande statura, di solito raggiungono i 4,5 metri e più
  • Rami lunghi con distanze internodali grandi
  • Sistema di radici molto disteso
  • Foglie grandi e sottili

Caratteristiche di coltivazione:

  • Tendono a produrre pochi fiori se coltivate indoor
  • Sono buone produttrici se coltivate outdoor
  • Possono raggiungere dimensioni eccessive in molto poco tempo
  • Il periodo di fioritura è più tardivo che quello delle varietà Indica
  • Tutte le varietà di canapa industriale sono considerate cannabis sativa

Effetto:

Tendono a produrre un effetto energetico, veloce ed euforizzante, è per questo che le piante appartenenti a questo gruppo sono indicate per il consumo "diurno", dato che non producono un effetto narcotico e permettono svolgere le attività giornaliere. Le varietà Sativa sono molto apprezzate dalle persone che vogliono potenziare la loro creatività, giacché il loro effetto cerebrale e psicoattivo può aiutare nello sviluppo di attività artistiche.

Lo sapevi che…?

In passato, la cannabis Sativa è stata largamente utilizzata per la produzione di carta, ma per qualche motivo l'industria si è poi focalizzata sugli alberi. Un peccato se consideriamo che l'impatto ambientale che provoca l'abbattimento di alberi si ridurrebbe fortemente se si utilizzassi la cannabis a suo posto. Infatti, essa cresce molto più velocemente che gli alberi e il danno all'ambiente sarebbe praticamene inesistente.

Se ti piacciono le Sativa, ti consigliamo:

Super Silver

Un ibrido ideale per gli amanti delle genetiche Sativa. Con un 90 % di predominanza Sativa, questa varietà femminizzata possiede un intenso sapore con note di limone, pino, incenso e spezie. Un marcato aroma che viene accompagnato da un effetto potente, cerebrale, euforizzante e tonificante di lunga durata. Una genetica facile da coltivare e adatta ai coltivatori di tutti i livelli che sviluppa cime dense e allungate traboccanti di resina.

Santa Sativa

Questo ibrido con un 70 % di predominanza Sativa, frutto dell'unione tra una Haze#1 e un incrocio di Skunk x Northern Lights, è lo strumento perfetto per ottenere fiori di cannabis di prima categoria. Le sue cime allungate e compatte emanano un delizioso aroma di limone, cedro, pino e incenso. Una varietà che provoca un forte effetto cerebrale chiaro e di lunga durata. 

Cannabis Indica

Origine:

Proviene del Pakistan e dell'India e si tratta di un tipo di cannabis molto apprezzato sia dai coltivatori che dai consumatori. Le varietà Indica si sono adattate per sopravvivere nei climi più aridi e secchi. È per questo che la loro statura è più ridotta e sono piante più robuste e massicce e dalle foglie larghe indirizzate a minimizzare la perdita d'acqua durante la traspirazione.

Caratteristiche della pianta:

  • Dimensione ridotta, massiccia e compatta
  • Sistema di radici condensato
  • Steli robusti
  • Foglie larghe di color verde scuro
  • Fiori densi e pesanti carichi di THC e circondati da foglioline che a volte acquisiscono tonalità rosse e porpora.
  • Questo tipo di pianta di marijuana è molto più piccola che la cannabis sativa (di solito raggiunge 1,5 metri) è a l'apparenza di un abete.

Caratteristiche di coltivazione:

  • Coltivazione indoor: le piante di marijuana Indica sono ideali per i coltivatori principianti per le loro dimensioni ridotte e la loro fioritura breve.
  • Coltivazione outdoor: si tratta di un'ottima scelta per terrazze e balconi e per i coltivatori che cercano discrezione. Il raccolto avviene a settembre, il che fa sì che siano molto apprezzate nelle zone fredde e piovose.

Effetto:

 Le Indica sono "piante da notte", cioè vanno consumate preferibilmente durante le ore precedenti al sonno a causa del loro potente effetto narcotico caratterizzato per essere fisicamente rilassante. Infatti, spesso viene definito come "avere una grande lastra in testa". Questo tipo di cannabis è molto utilizzato anche per uso medicinale.

Lo sapevi che…?

In India questo tipo di cannabis è stato tradizionalmente usato per cerimonie religiose, così come per indurre il sonno e per alcuni usi terapeutici.

Se ti piacciono le varietà a predominanza Indica, ti consilgiamo:

Bubba Kush

Siamo molto fieri di avere una delle migliori Indica del mondo tra le nostre varietà più preziose. Infatti, questo premiato zeppo è un sogno diventato realtà per gli amanti di questa genetica: grande produzione di resina, coltivazione semplice, raccolti di ottima qualità ed un sapore inconfondibile. Una genetica privilegiata che cresce velocemente e che sviluppa piante piccole le cui foglie diventano color porpora e lavanda se esposte a base temperature durante la notte. L'effetto è rilassante, analgesico, potente e durevole ed è preceduto da un sapore con note di terra, spezie, caffè, combustibile e agrumi.

Critical + 2.0

Con un 70% di predominanza Indica, questo stupendo ibrido è frutto dell'unione tra una Critical + e un fenotipo con una resistenza all'umidità più alta. Una versione migliorata della nostra Critical + che cresce con molta forza e produce cime voluminose e pesanti traboccanti di resina. A causa del suo potente aroma, soprattutto alla fine del periodo di fioritura, si raccomanda l'uso di filtri antiodore per la coltivazione indoor. La sua intensa fragranza si traduce in un sapore di limone, pino e spezie cha ha innamorato i palati più esigenti. L'effetto è potente e rilassante, più fisico che mentale e di lunga durata, perfetto per rilassarsi dopo una lunga giornata di lavoro.

Cannabis Ruderalis

Origine:

 Questo tipo di pianta proviene dalla Siberia e il Kazakistan, il che spiega le sue particolari caratteristiche. Le poche ore di luce e di scarsa intensità che ricevevano le piante di quelle zone ha fatto sì che si siano adattate all'ambiente, è per questo che le Ruderalis non dipendono dall'esposizione alla luce per iniziare la fioritura.

Caratteristiche della pianta:

  • Dimensione ridotta e apparenza inselvatichita
  • Si presenta come un'erbaccia che circonda i sentieri
  • Quantità di rami minore che le specie Sativa o Indica
  • Apparenza conica

Caratteristiche di coltivazione:

  • Il fotoperiodo non è il precursore della fioritura

Effetto:

Contiene dei bassissimi livelli di THC, l'effetto, piuttosto che ebbrezza, provoca mal di testa.

Lo sapevi che…?

Le Ruderalis sono state utilizzate per creare gli ibridi autofiorenti.

Le varietà autofiorenti che esistono sul mercato nell'attualità sono state create da i breeder tramite l'incrocio di genetiche Ruderalis con altre Sativa e Indica. Anche se gli standard di qualità e stabilità delle prime autofiorenti non erano paragonabili a quelli delle femminizzate, dopo un lungo processo di miglioramento genetico, la qualità delle autofiorenti è già molto alta a tutti i livelli. 

Se ti piacciono le varietà autofiorenti, ti consilgiamo:

Moby Dick Autoflowering

Questa campionessa autofiorente è garanzia di raccolti di qualità perfino in regioni dal clima complicato. L'aroma e il sapore sono intensi, con note di limone, Haze, cedro e incenso. Una genetica privilegiata che si distingue per la sua grande capacità produttiva e il cui effetto è potente, cerebrale, euforizzante, stimolante e di lunga durata. Una reggina della cannabis che ci rende molto orgogliosi e che possiede delle qualità organolettiche uniche.

Dinamex Autoflowering

Se ti piacciono le Sativa, allora ti consigliamo questo ibrido autofiorente frutto dell'unione tra una Dinamex e una Haze 2.0 Autoflowering. Un'ottima scelta che produce piante dalla statura ridotta, vigorose, facili da coltivare e dalla fioritura breve. Questa genetica privilegiata produce generosi raccolti allungati e densi ricoperti di resina dal marcato aroma di Diesel, petrolio e agrumi.

19/08/2016

Commenti dei nostri lettori

11 comentarios
4,82 su 5 (basato su 11 commenti utente)
Lascia un commento!

Leggi i commenti in un'altra lingua:

Contatto

x
Contattaci