Una indica estremamente potente racchiusa in una pianta ibrida

Gorilla è una varietà di cannabis femminizzata molto apprezzata negli Stati Uniti. Discendente della famiglia Chem, fa onore alle sue origini con una potenza e un aroma fuori dal comune. Si tratta di un ibrido a predominanza indica che è perfettamente in grado di far fuori dal podio le varietà indica più pure, come ha dimostrato doppiamente nel 2014 alla… Leggi tutto >
  • Indica: 60%

    Sativa: 40%

  • THC: 15-20%

    CBD: 0,01-0,2%

  • Outdoor:

    • 1000 g/pianta

    • 3 m

    • Metà ottobre

  • Indoor:

    • 500 g/m2

    • 58-63 giorni

  • Chocolate Diesel
  • x
  • Chem Sister
  • x
  • Sour Dubb

Ideale per: Amanti delle varietà indica molto potenti che cerchino sapori americani diversi e complessi.

Gorilla è una varietà di cannabis femminizzata molto apprezzata negli Stati Uniti. Discendente della famiglia Chem, fa onore alle sue origini con una potenza e un aroma fuori dal comune. Si tratta di un ibrido a predominanza indica che è perfettamente in grado di far fuori dal podio le varietà indica più pure, come ha dimostrato doppiamente nel 2014 alla Coppa Los Angeles e alla High Times Jamaican World Cup, dove è stata proclamata vincitrice. Con un incredibile "bag appeal" e dei fiori verde chiaro che sembrano essere stati spolverati di zucchero a velo - i tricomi di questa varietà sono veramente mozzafiato - non bisogna farsi ingannare dalla sua morfologia ibrida, perché quello che abbiamo davanti è un effetto indica paragonabile alla manata di un Gorilla dalla schiena argentata.

Morfologia

Gorilla è un ibrido a predominanza indica (60%) proveniente dall’incrocio tra Chocolate Diesel, Chem Sister e Sour Dubb. A quanto pare, l’ibridazione è accaduta casualmente quando un maschio Chem Sister ha impollinato per sbaglio una femmina Sour Dubb. Dal punto di vista dell’aspetto, questa pianta di marijuana è un chiaro esempio di morfologia ibrida: altezza media/grande, internodi medi e foglie di colore verde lime dalle dimensioni anch’esse piuttosto medie. Ma, insistiamo, non fatevi ingannare dalle apparenze: nonostante dal fuori possa sembrare un ibrido, nella degustazione si scopre una indica vera e propria.

Produzione

Gorilla è un’ottima produttrice che si distingue per la resina, uno strato costituito da tantissimi tricomi dal diametro enorme. Ecco perché viene chiamata Gorilla Glue, per l’appiccicosità delle sue cime, fiori tondeggianti molto densi, pesanti, concentrati e stracarichi di resina aromatica che richiamano l’attenzione per il colore bianco chi li ricopre una volta maturi.

Il raccolto è di una qualità eccezionale ed è pieno di “bag appeal” grazie ai suoi bellissimi fiori densi di colore verde chiaro spolverato con tricomi scintillanti. È proprio una di quelle genetiche che attirano tutti gli sguardi quando vengono presentate dentro ad una busta trasparente.

Aroma e sapore

Gorilla possiede un aroma e un sapore molto complessi ma, soprattutto, molto intensi. Frutto della sua ascendenza Diesel e Chem, si distinguono note di benzina con un retrogusto terroso e acido, magari in stile Sour Diesel, ma con sfumature più agrumate. Si tratta inoltre di una genetica che produce grandi quantità di terpeni, tra cui il cariofillene e l’umulene.

Effetto

Gorilla provoca un effetto molto potente attribuibile al suo alto contenuto di THC, che può raggiungere il 20%. La varietà è praticamente priva di cannabidiolo (CBD) e quindi è adatta soltanto ai consumatori abituati alla cannabis. La sua sensazione fisica e prevalentemente indica spesso viene paragonata alla manata di un gorilla, cioè, schiacciante.

Coltivazione

Gorilla è una pianta poco impegnativa e facile da coltivare ma che richiede comunque qualche nozione di giardinaggio, particolarmente per quanto riguarda la fertilizzazione. Si tratta di una genetica che non tollera l’eccesso di nutrienti, per cui è importante assicurarle una dieta leggera.

Relativamente all’idratazione, Gorilla non è particolarmente resistente né all’umidità né alla siccità, e ha dunque bisogno di annaffiature frequenti ma moderate per una crescita corretta. Un ultimo consiglio riguarda la potatura, specie della parte bassa della pianta, molto indicata per indirizzare l’energia verso l’alto.

Caratteristiche dei semi di
cannabis Gorilla

SessoFemminizzata
Genotipo60% Indica / 40% Sativa
IncrocioChocolate Diesel x Chem Sister x Sour Dubb
Fioritura indoor58-63 giorni
Produzione indoor500 g/m2
Raccolta outdoorMetà ottobre
Produzione outdoor1000 g/pianta
Altezza outdoor3 m
THC*15-20%
CBD*0,01-0,2%

*Il contenuto di cannabinoidi (THC, CBD…) può variare a causa di fattori esterni quali il substrato, l’esperienza del coltivatore, la tecnica di coltivazione (SOG, SCROG…), le condizioni ambientali o la variazione genetica.

Cosa dicono i nostri clienti?

117 commenti
4,93 su 5 (basato su 117 valutazioni utenti)

Tutti i commenti su Gorilla:

  1. Il capolavoro della Dinafem. Qualità superiore

    5 su 5
    Finora la migliore Dinafem mai provata. Pianta facile da coltivare, non emette odori forti e quindi ottima anche se si hanno vicini curiosi, genera fiori di una bellezza e compattezza fuori dal comune, durissimi e con poca foglia da pulire durante il trim. Cime tondeggianti e totalmente coperte di resina, come detto dalla dinafem il "bag appeal" è davvero notevole, si vede a occhio che sono fiori di una qualità e compattezza suprema. Ma veniamo al punto importante : sapore e potenza. Semplicemente inimitabili, il sapore è intensissimo, quando si aspira il fumo prevalgono note terrose e speziate, ma è quando lo sputate fuori che sentirete un sublime fortissimo sapore di benzina / gasolio dolce, accompagnato da note leggermente agrumate, qualcosa di assolutamente divino, difficile da descrivere, nessuna Dinafem mi ha mai regalato un sapore così intenso e marcato. La potenza ed il tipo di high sono altrettanto unici, è un effetto molto forte che sale fin da quando sputate il fumo del primo tiro, una botta di benessere fisico e mentale che si diffonde nel corpo e nella mente, all'inizio è stimolante e regala una sensazione quasi terapeutica di benessere, distensione e relax, e solo dopo diventa narcotico. Questo strain è un salto di qualità pazzesco per Dinafem a mio avviso, in quanto sono riusciti a conferire la stabilità genetica tipica delle loro piante ad uno strain californiano pazzesco, che poco ha perso rispetto alla sua versione originale (il quarto fenotipo di Gorilla Glue, conosciuto come GG#4). Finora ho riscontrato 2 fenotipi di questo strain, uno che produce piante più alte, ma la ganja è sempre quella. Capolavoro, complimenti Dinafem
  2. Top genetica

    5 su 5
    Che dire, dinafem sempre il top, con questo strain è il massimo.
  3. Ottimo prodotto

    5 su 5
    Ho messo 5stelle perché 10non potevo !!!
  4. Strain consigliatissimo

    5 su 5
    Coltivata out,dopo le prime 3 settimane di fioritura mi sono trovato un mostro di 2,80 metri che emanava profumi di vaniglia a metri e metri di distanza. Vi consiglio di lavare le radici con del Ripen o similari per la classica ciliegina sulla torta.
  5. Eccezionale

    5 su 5
    Piante spettacolari rapida crescita,resistenti e una produzione di resina incredibjle cime tondeggianti densissime e stracariche di tricome super aromatici consigliato un buon filtro a carboni l'odore é moolto intenso
  6. Devastante

    5 su 5
    Sembra davvero che un gorilla ti sia salito addosso
  7. Smoke report

    4 su 5
    Mi ha ricordato molto l og kush con un effetto potente , ma senza trascurare quella miriade di sapori misti . Un mix paradisiaco per chi cerca una varietà tosta , ma dalle caratteristiche aromatiche altrettanto particolari . In poche parole lascia il segno !
Scrivi la tua opinione

Leggi i commenti dei clienti su Gorilla in un'altra lingua: