nutrienti plante cannabis

Tutto sui nutrienti per coltivare le vostre piante di cannabis

  • Così come noi essere umani abbiamo bisogno di mangiare e mantenere una dieta equilibrata affinché il nostro corpo funzioni correttamente, anche le piante hanno bisogno di alcuni “alimenti” per sviluppare il ciclo vitale in tutto il loro splendore.
  • Pensate alla fertilizzazione delle vostre piante di marijuana come se fosse la dieta gastronomica di una persona; chi da piccolo ha sofferto di malnutrizione si trascinerà dei problemi di salute che possono diventare cronici.
  • Con le piante succede più o meno la stessa cosa, le mancanze o carenze di alcuni nutrienti possono essere responsabili di un cattivo raccolto: una pianta debole e poco vigorosa diminuirà la sua produzione di fiori, tra le altre cose.
  • Per questo oggi vi spiegheremo quali sono i nutrienti essenziali per le vostre piante di cannabis e come identificarne le carenze. 
nutrienti plante cannabis

I nutrienti sono quegli elementi essenziali affinché la pianta possa vivere e si assorbono attraverso il terreno di coltura o la soluzione nutritiva, nel caso dei sistemi idroponici. I nutrienti si classificano in tre categorie: nutrienti primari, nutrienti secondari e micronutrienti. Ognuno di questi, a sua volta, può essere mobile o non mobile; conoscere questo dato sarà di grande aiuto nel momento in cui determiniamo cosa manca o abbonda nelle nostre piante, vediamo perché:

  • Nutrienti mobili: sono quelli che possono spostarsi da una parte all'altra della pianta in base alle necessità. Per esempio, se la pianta soffre della mancanza di un nutriente mobile, la quantità di quest'elemento accumulato nelle foglie vecchie si trasporterà nelle foglie nuove con lo scopo di coprire questa carenza; è per questo che i primi segni che qualcosa non va bene si manifestano nelle foglie più antiche.
  • Nutrienti non mobili: una volta assimilati dalla pianta rimangono nel luogo d'origine, non si spostano. Quindi i sintomi di mancanze di nutrienti non mobili appariranno nelle foglie più giovani e generalmente poste nella parte superiore della pianta.

Adesso che conoscete la differenza tra nutrienti mobili e non mobili vediamo le tre categorie:

Nutrienti Primari

Azoto (N) -mobile

La pianta di marijuana ha bisogno di livelli alti di azoto, soprattutto in fase vegetativa, poiché si occupa di regolare la produzione di proteine, responsabili della crescita di foglie e tronchi, che si riflette nelle dimensioni e vigore generale della pianta.

Processo sintomatico della mancanza di azoto nella pianta di marijuana: solitamente la mancanza di questo nutriente ha come conseguenza un processo chiamato clorosi, che consiste nell'ingiallimento e la progressiva perdita di colore delle foglie, mentre i nervi si mantengono di colore verde:

  • Le foglie più vecchie si ingialliscono
  • Le foglie più danneggiate si ingialliscono completamente e muoiono
  • I piccioli (fusti delle foglie) possono diventare di color porpora/rossiccio

Fosforo (P) -mobile

La pianta di marijuana richiede una grande quantità di questo elemento durante le fasi di germinazione e fioritura (anche quando sono delle grandi piante se si realizzano propagazioni); è un nutriente essenziale per la fotosintesi ed è legato alla produzione di resina.

Processo della mancanza di fosforo nella pianta di marijuana:

  • La crescita della pianta si rallenta
  • Le foglie si scuriscono e appaiono delle macchie di color marrone scuro
  • I piccioli diventano di color porpora/rossiccio
  • Le punte delle foglie più vecchie si scuriscono e si arricciano verso il basso

Potassio (K) -mobile

Questo è un importante nutriente in tutte le fasi del ciclo vitale della cannabis perché la aiuta a diventare resistente ai batteri e alle muffe. Aumenta anche la clorofilla e aiuta a regolare l'apertura degli stomi, quindi è un elemento che interviene nell'uso che fa la pianta della luce e dell'aria.

Processo sintomatico della mancanza di potassio nella pianta di marijuana:

  • I rami si indeboliscono
  • Le punte e i bordi delle foglie vecchie sviluppano dei puntini di color ruggine che si estendono mentre la foglia si ingiallisce
  • Le punte delle foglie si arricciano verso l'alto
  • Le foglie marciscono e muoiono

Nutrienti secondari

Magnesio (Mg) -mobile

Il magnesio ha un ruolo molto importante nel processo di assorbimento dell'energia solare.

Processo sintomatico della mancanza di magnesio nella pianta di marijuana:

  • Apparizione di zone gialle tra i nervi delle foglie e punti di color ruggine sulle foglie più vecchie
  • Le punte delle foglie si scuriscono e si piegano verso l'alto
  • Aumento del maculato e dell'ingiallimento della foglia in generale

Calcio (Ca) -non mobile

Il calcio è molto importante a livello cellulare per la pianta di cannabis perché è implicato nella sua crescita.

Processo sintomatico della mancanza di calcio nella pianta di marijuana:

  • Lo sviluppo della pianta si rallenta e le foglie giovani acquisiscono un colore verde scuro
  • La produzione di fiori diminuisce e si rallenta notevolmente

Zolfo (S) -non mobile

Questo nutriente è essenziale per la produzione di alcuni ormoni e vitamine necessari per la pianta di cannabis.

Processo sintomatico della mancanza di zolfo nella pianta di marijuana:

  • Come nel caso di mancanza di azoto, la carenza di zolfo dà solitamente come risultato l'apparizione di clorosi sulle foglie. In uno stato molto avanzato anche i piccioli diventano di color porpora/rossiccio.
  • Se non si trova un rimedio, man mano che la mancanza di fosforo aumenta, le foglie diventano di un giallo più intenso e muoiono.

Micronutrienti

Zinco (Zn) -mobile

Questo nutriente insieme ad altri elementi regola la produzione della clorofilla della pianta.

Processo sintomatico della mancanza di Zinco nella pianta di marijuana:

  • Clorosi sulle foglie
  • Le foglie nuove nascono deboli e sottili
  • Le punte delle foglie si bruciano
  • La produzione di fiori e foglie si ferma

Manganese (Mn) -non mobile

Assieme al ferro il manganese interviene nei processi di produzione della clorofilla.

Processo sintomatico della mancanza di manganese nella pianta di marijuana:

  • Clorosi nelle foglie giovani
  • Clorosi nelle foglie vecchie
  • Possono apparire zone secche e morte sulle foglie più danneggiate

Ferro (Fe) -non mobile

Questo micronutriente è essenziale per i sistemi enzimatici della pianta e interviene anche nel processo di fotosintesi e produzione della clorofilla.

Processo sintomatico della mancanza di ferro nella pianta di marijuana:

  • I germogli nuovi e le foglie giovani acquisiscono un colore verde più chiaro del normale
  • La clorosi si estende alle altre foglie
  • Le foglie vanno in necrosi e muoiono

Boro (B) -non mobile

Questo elemento, tra le altre funzioni, contribuisce all'assorbimento del calcio.

Processo sintomatico della mancanza di boro nella pianta di marijuana:

  • Le estremità dei fusti e le radici crescono in modo anormale
  • I nuovi germogli sembrano bruciati
  • I germogli principali si torcono
  • I bordi delle foglie si decolorano e appaiono zone morte
  • L'interno delle radici si ammorbidisce e questo può preannunciare l'apparizione di malattie

Cloro/ Cloruro (Cl) -non mobile

Il cloro in forma di cloruro è molto importante per la fotosintesi e la divisione cellulare nelle radici e il fogliame.

Processo sintomatico della mancanza di Cloro nella pianta di marijuana:

  • Le foglie giovani diventano pallide
  • Le radici si ingrossano
  • Man mano che la carenza si aggrava, le foglie sviluppano un tipico color bronzo
  • Le radici sviluppano delle punte grosse e smettono di crescere

Cobalto (Co) -non mobile

È molto importante per l'assorbimento dell'azoto.

Quando c'è una carenza di cobalto sopraggiungono dei problemi legati alla mancanza di azoto.

Rame (Cu) -non mobile

Questo micronutriente è concentrato nelle radici.

Processo sintomatico della mancanza di rame nella pianta di marijuana:

  • Le foglie giovani e i germogli marciscono
  • Le punte e i bordi delle foglie sviluppano necrosi
  • La crescita della pianta si rallenta e diminuisce la produzione di fiori

Molibdeno (Mb) -non mobile

Interviene nei processi che trasformano il nitrato in ammonio.

Raramente, per non dire praticamente mai, si presentano carenze di questo micronutriente nelle piante di cannabis e quando succede provocano una carenza di azoto.

Silicio (Si) -non mobile

Viene assorbito dalla pianta di marijuana come acido silicico e aiuta a equilibrare i livelli di ferro e magnesio.

La mancanza o una dose eccessiva non provocano complicazioni.

08/11/2016

Commenti dei nostri lettori

1 commenti
5 su 5 (basato su 1 commento utente)
Lascia un commento!

Leggi i commenti in un'altra lingua:

Contatto

x
Contattaci