Vaporizador de cannabis

Cartucce per vaporizzare la cannabis: ecco tutto quello che devi sapere

  • Le cartucce di oli essenziali per vaporizzatore sono un metodo pratico e discreto per usufruire dei terpeni e dei cannabinoidi presenti nella marijuana.
  • Questo sistema permette di ottenere tutti i benefici della pianta in modo semplice e offre al contempo la possibilità di aggiungere aroma e sapore grazie ai profili di terpeni naturali.
  • Scopri tutto quello che c’è da sapere su questo modo di interagire con la cannabis.
Vaporizador de cannabis

La vaporizzazione è uno dei modi più sicuri per assumere la marijuana. Con questo metodo, il vapore arriva direttamente ai polmoni senza i componenti nocivi della combustione, che altrimenti andrebbero a finire anche nel sangue in un processo molto rapido i cui effetti si sentono prima di tutto nel cervello. Proprio per questo, i vaporizzatori, che permettono di riscaldare una piccola quantità di cima tramite un fornello che innesca il rilascio dei cannabinoidi e dei terpeni, costituiscono un'ottima alternativa al fumo. Ma se quello che avevi in mente era qualcosa di più semplice e veloce, le cartucce ti interesseranno sicuramente.

Questi apparecchi per vaporizzare la cannabis sono dei piccoli contenitori che si collegano a un vaporizzatore o sigaretta elettronica e che contengono concentrati di cannabis con quantità variabili di cannabinoidi. Inoltre, c'è anche la possibilità di utilizzare i terpeni per aggiungere l'aroma e il sapore delle diverse varietà.

Il processo di riscaldamento di questi oli o concentrati è molto simile a quello utilizzato da altri vaporizzatori per le cime sbriciolate: quando viene raggiunta una determinata temperatura, si verifica il rilascio dei composti, che viaggiano fino ai polmoni. Per chi cerca discrezione, sia le cartucce che i vaporizzatori e le sigarette elettroniche, entrano perfettamente in tasca, e dato che non c'è bisogno di manipolare le cime in mezzo alla strada per caricarli, sono anche molto comodi da utilizzare. In più, l'odore è veramente leggero e le cartucce si riscaldano nel giro di un minuto.

Questo metodo di consumo è adatto anche a chi cerca effetti medicinali. Se vuoi sapere qual è la cartuccia che meglio fa per te, sia per uso terapeutico che ricreativo, è importante fare attenzione alla descrizione dell'imballaggio, che spesso fa riferimento a termini quali "rilassarsi", "attivarsi" o "trovare ispirazione". Il successo delle cartucce è stato tale che, in base a Eaze, una app statunitense per l'acquisto di cannabis tramite il cellulare, le vendite in California sono passate dal 6% nel 2015 al 24% nel 2016, mentre i fiori hanno registrato un calo dal 75% al 54% nello stesso periodo.

e-liquido para vaporizador

Precauzioni da prendere con le cartucce di cannabis

Come abbiamo già detto, gli oli rilasciano i cannabinoidi e i terpeni quando vengono riscaldati, processo che, a seconda del vaporizzatore, avviene tramite conduzione o convezione. Mentre con il primo metodo la cartuccia viene riscaldata velocemente per contatto, con conseguente rischio di rovinare la sostanza per surriscaldamento, con il secondo il liquido viene riscaldato tramite delle particelle di aria che attraversano la miscela, garantendo un miglior controllo della temperatura e riducendo dunque il rischio di surriscaldamento. Per questo motivo, gli amanti della marijuana scelgono spesso vaporizzatori a convezione, nonostante il loro prezzo più elevato.

Passando alle precauzioni da prendere durante l'utilizzo delle cartucce per vaporizzare la cannabis, è importante innanzitutto fare attenzione agli ingredienti. Il glicole polietilenico (PEG), che serve a ridurre la viscosità dell'olio, può contenere ossido di etilene, un componente cancerogeno; mentre il glicole propilenico (PG), utilizzato anch'esso per moderare la viscosità, può causare mal di gola, secchezza delle fauci e addirittura danni ai reni.

Un altro aspetto da verificare sull'etichetta è l'origine dei terpeni. Solitamente essi provengono dalla marijuana, ma a volte si ottengono anche dalla buccia della frutta, come nel caso del limonene, che spesso viene ricavato dagli agrumi. Assicurati dunque di scegliere le cartucce che indichino chiaramente l'origine dei terpeni, che devono essere obbligatoriamente di qualità alimentare, ed evita quelle prodotte con processi che prevedano l'utilizzo di butano, propano od esano.

Infine, controlla che la cartuccia scelta sia compatibile con il tuo vaporizzatore o sigaretta elettronica. In linea di principio, questo non dovrebbe essere un problema, dal momento che la stragrande maggioranza delle cartucce si adattano ai modelli presenti sul mercato ormai da diversi anni. Dunque, se hai già un vaporizzatore, molto probabilmente non dovrai acquistarne uno nuovo.

Cartucho de vaporizador

Dove trovare le cartucce di cannabis

Acquistare una cartuccia di cannabis o un e-liquido è proprio semplice: devi solo recarti nel tuo grow shop o negozio online di fiducia e sfogliare il catalogo, dove troverai da estratti di olio di canapa fino a opzioni che fanno dell'assenza di nicotina e dell'alto contenuto di CBD il loro punto di forza, aspetto fondamentale nei paesi o regioni dove la cannabis non è stata ancora legalizzata. In genere, sono disponibili in varie dimensioni e a prezzi diversi in modo da adattarsi a tutte le tasche; e classici quali le varietà Amnesia Kush e Mango Haze possono trovarsi con contenuti di CBD molto elevati.

Un'altra categoria di prodotti molto interessante è rappresentata dai profili di terpeni, estratti dalla marijuana con metodi naturali e privi di cannabinoidi. Questi possono essere utilizzati per aromatizzare gli e-liquidi e gli estratti, ma addirittura anche le candele, e racchiudono l'aroma di varietà quali Cheese (formaggio forte con note piccanti e terrose), Bubba Kush (frutti esotici, Diesel e chewing gum) o Blue Dream (dolce con sfumature di Haze e incenso).

La tecnica di estrazione di queste essenze risale all'antica Persia e prevede l'utilizzo di vapore acqueo, che attraversa la materia vegetale raccogliendo i terpeni sotto forma di olio. Una volta che il vapore si raffredda, diventa liquido ed è allora possibile separare gli oli dall'acqua. Generalmente, i terpeni sono venduti in flaconi con contagocce o pipette, e basta aggiungere un paio di gocce per aromatizzare un grammo o millilitro di e-liquido. Poi, la soluzione va fatta riposare per 24 ore in modo da favorire la fissazione dei terpeni, dopodiché dovrebbe essere pronta per il consumo.

Terpenos para vaporizarPhoto Credit: Vaping360 

Se segui le nostre dritte, scoprirai che vaporizzare la cannabis con le cartucce è un metodo semplice e del tutto sicuro. E se vuoi aggiungere una marcia in più all'esperienza, prova con un tocco di terpeni. Sono molti i consumatori di marijuana che l'hanno già fatto.

02/05/2018

Commenti dei nostri lettori

Non ci sono commenti ancora. Vuoi essere il primo?

Lascia un commento!

Contatto

x
Contattaci